Cerca

Vatican News
La chiesa cattolica eritrea celebra festa annuale della arcidiocesi La chiesa cattolica eritrea celebra festa annuale della arcidiocesi 

Lettera vescovi eritrei: con il dialogo trovare soluzioni alle difficoltà del Paese

La Conferenza episcopale eritrea ha diffuso oggi, domenica 28 aprile, una Lettera pastorale in occasione della Pasqua Orientale del rito copto alessandrino cattolico. Il documento di 30 pagine, è un richiamo alla riconciliazione nazionale e ha per titolo: “Pace a voi che eravate lontani e pace a coloro che erano vicini” (Ef. 2,17)

Sarà diffusa oggi la Lettera pastorale che la Conferenza episcopale dell'Eritrea ha scritto ai fedeli per sostenere il processo di pace in corso tra il loro Paese e l'Etiopia avviato lo scorso giugno, dopo 20 anni di guerra. Nell’introduzione, i vescovi esprimono gioia e gratitudine al Signore per questo, mentre assicurano di pregare per gli immigrati, i carcerati, per le vittime dei trafficanti, per tutti quelli che hanno perso la vita a causa delle violenze perché trovino accoglienza nella casa del Padre. Augurano al loro popolo pace e serenità e auspicano che quanti vivono in condizioni difficili nelle zone di frontiera tra i due Paesi possano tornare alla normalità della vita. “Preghiamo – scrivono - perché la demarcazione delle frontiere avvenga in maniera soddisfacente per il bene di ambedue i popoli, perché possano continuare le loro normali relazioni di ogni giorno” e si dicono pronti a collaborare, come leader religiosi, perchè ciò si realizzi.

Il passato doloroso del Paese: no ai muri, sì ai ponti

"In questo mondo senza scrupoli dove si vogliono costruire i muri della divisione – si legge nel testo - noi vogliamo eliminare ogni separazione: solo così possiamo costruire una nazione caratterizzata da unità e armonia". I vescovi eritrei affrontano quindi una questione centrale: "A causa della guerra, in passato il nostro Paese ha vissuto una grande marginalizzazione. Per vari motivi il destino dei nostri giovani, delle nostre madri e delle famiglie - scrivono - era diventato soltanto di emigrare e abbandonare la propria casa. In mancanza di soluzioni adeguate, tutto questo continua e la diaspora della nostra gente mette in pericolo l’esistenza del Paese ".

Superare le difficoltà attraverso il dialogo

Nella loro lettera, i presuli eritrei propongono soluzioni che possano aiutare ad uscire dalla difficile situazione in cui si trova il Paese. Prima fra tutte il dialogo che deve coinvolgere sia chi sta in Eritrea, sia chi fa parte della diaspora, perché solo sulla base solida del dialogo, della pace e del perdono è possibile costruire il futuro. "E’ necessario - scrivono - crescere insieme come popolo e come Paese, senza lasciare nessuno indietro".

L'invito a pregare perchè il Signore doni il suo aiuto

I vescovi esortano infine il popolo eritreo a riporre la speranza e la fede nel Signore: "In questo momento di dura prova per il Paese c'è bisogno più che mai della Sua protezione che ha guardato al suo popolo sempre con uno sguardo di misericordia e di amore". I presuli innalzano quindi una preghiera a Dio, dicendosi sicuri che Egli verrà in suo aiuto: “Dio ci illumini e ci doni la sua grazia. Benedica il nostro popolo e la nostra patria. Ci doni la luce della Sua resurrezione”.

28 aprile 2019, 12:01