Cerca

Vatican News
La manifestazione per lo Sri Lanka della Chiesa di Lahore con la presenza dei musulmani La manifestazione per lo Sri Lanka della Chiesa di Lahore con la presenza dei musulmani  (AFP or licensors)

Pakistan: solidarietà dei vescovi allo Sri Lanka

La Commissione nazionale per la giustizia e la pace (Ncjp) della Conferenza episcopale cattolica del Pakistan ed altri vescovi hanno condannato fermamente gli attacchi orribili e mortali dello Sri Lanka la domenica di Pasqua, ed esprimono profonda tristezza per la perdita di vite preziose e innocenti. A Lahore anche i musulmani alla manifestazione indetta da mons. Shaw

In una dichiarazione congiunta ripresa dall'Agenzia Fides, l’arcivescovo mons. Joseph Arshad, presidente della Ncjp, P. Emmanuel Yousaf, direttore nazionale, e il direttore esecutivo Cecil Shane Chaudhry, hanno dichiarato che questo attacco è la prova di un'ondata crescente di estremismo e radicalizzazione in tutto il mondo. Pertanto i governi di tutto il mondo devono migliorare le misure di sicurezza specifiche per i luoghi di culto.Il presidente della Conferenza episcopale cattolica pakistana e presidente del Ncjp, l'arcivescovo Joseph Arshad, ha condannato fermamente questo atto disumano il giorno di Pasqua e ha pregato per le anime dei defunti e delle loro famiglie, presentando le sue condoglianze a coloro che sono stati colpiti. L'Arcivescovo ha dichiarato: "Tutta la comunità cristiana e la Chiesa in Pakistan sono profondamente rattristate da questo orribile atto. Mentre preghiamo per le anime dei defunti, chiediamo al Signore di dare forza alle famiglie ferite e afflitte. E i perpetratori di questo atto atroce siano consegnati alla giustizia”.

Manifestazione pacifica con i musulmani a Lahore

“E’ molto triste e straziante il fatto che questi terroristi abbiano attaccato varie chiese e hotel nello Sri Lanka la domenica di Pasqua. Condanno questi orribili attacchi che hanno ucciso più di 300 persone e ferito circa 500" ha detto l'arcivescovo Sebastian Francis Shaw durante l’incontro di preghiera tenutosi nella cattedrale del Sacro Cuore di Lahore questa settimana. "Abbiamo organizzato un incontro per pregare per le vittime di questi orribili attacchi, in particolare abbiamo invitato i nostri amici dello Sri Lanka che sono in Pakistan, per mostrare loro la nostra solidarietà e unità e che apprezziamo il buon lavoro dei nostri sacerdoti, dei religiosi, delle religiose, dei laici dello Sri Lanka che sono e sono state impegnate in Pakistan, specialmente nel campo dell'educazione" ha detto a Fides l'arcivescovo. Mons. Shaw ha anche guidato una manifestazione pacifica e tenuto una conferenza stampa il martedì di Pasqua con i suoi amici musulmani, per mostrare solidarietà al popolo dello Sri Lanka. I bambini delle scuole cattoliche e delle scuole islamiche si sono uniti alla manifestazione pacifica tenendo in mano cartelli con messaggi di solidarietà per le persone colpite e invocando la pace.

I terroristi non seguono nessuna religione

Il vescovo di Hyderabad , mons. Samson Shukardin, ha pregato per le vittime di questi attentati suicidi e per il recupero delle persone ferite. Parlando all'Agenzia Fides, il vescovo ha dichiarato: “È molto triste per l'intera umanità, i terroristi fanno le loro cose liberamente e uccidono le persone. Nessuna delle religioni insegna questo e nessuno dei terroristi sta seguendo nessuna delle religioni". Quindi aggiunge: "Penso che abbiano i loro programmi personali nascosti, incoraggio il governo dello Sri Lanka a fornire adeguata sicurezza ai luoghi religiosi per la protezione della loro gente innocente”. (A.G. - Agenzia Fides)

 

26 aprile 2019, 07:46