Cerca

Vatican News
Conferenza episcopale paesi nordici  Svezia Finlandia Islanda Norvegia e Danimarca Conferenza episcopale paesi nordici Svezia Finlandia Islanda Norvegia e Danimarca 

Paesi nordici: vescovi guardano al futuro con speranza

Si è conclusa oggi a Trondheim con una nota di speranza, la riunione di primavera della Conferenza episcopale dei Paesi nordici (Norvegia, Danimarca, Svezia, Finlandia e Islanda). Annunciato per il 2020 il Congresso della famiglia che avrà come titolo “Amore in famiglia, forza per la Chiesa”

Si “guarda al futuro con speranza”, dice una nota diffusa dal segretario generale della Conferenza, suor Anna Mirijam Kaschner. Diverse le ragioni: innanzitutto, poiché “il numero di cattolici nei Paesi nordici continua a crescere”, in conseguenza dei movimenti migratori. Sono soprattutto i cattolici di altri riti ad arrivare al Nord e sono un “arricchimento” per la Chiesa. Per rispondere alle loro “necessità pastorali” i vescovi in plenaria si sono confrontati con il vescovo tedesco Dominic Meier che in Germania è responsabile per i fedeli delle Chiese orientali legati a Roma. Altro motivo di speranza è l’“evento di grande valore spirituale” che si è svolto nell’autunno 2018, con il pellegrinaggio delle reliquie di santa Teresa di Lisieux e dei suoi genitori nei Paesi nordici; hanno coinvolto anche “molti cristiani luterani”, come ha riferito il card. Anders Arborelius di Stoccolma.

Nel 2020 il Congresso della famiglia

Nella nota i vescovi annunciano poi il terzo Congresso nordico della famiglia (Norvegia, 21-24 maggio 2020) che avrà come titolo “Amore in famiglia, forza per la Chiesa”. “Questi incontri internazionali aiutano i nostri fedeli, spesso isolati come cattolici, a sperimentare e celebrare la comunione della Chiesa”, ha sottolineato il presidente della Conferenza episcopale, il vescovo danese Czeslaw Kozon. Altro elemento di speranza è il monastero mariano sull’isola di Tautra, “simbolo del fiorire della Chiesa cattolica nel nord Europa” e che i vescovi hanno visitato durante la plenaria: in 5 anni il numero delle monache presenti è raddoppiato passando da 7 a 14. Ora il monastero è troppo piccolo e si comincerà la costruzione di una nuova parte. (Agenzia Sir)

02 aprile 2019, 13:42