Cerca

Vatican News
Mons. Franz-Josef Overbeck Mons. Franz-Josef Overbeck 

Germania: Chiese cristiane sulle sfide della democrazia

“Mettere a tema le sfide con cui è confrontata la democrazia oggi e affrontare le cause che ne sono alla radice” è l’obiettivo di un documento che la Conferenza episcopale tedesca (Dbk) e la Chiesa evangelica in Germania (Ekd) hanno appena pubblicato

 

Lisa Zengarini - Città del Vaticano

“Rafforzare la fiducia nella democrazia” è il titolo del testo preparato da una commissione ecumenica di 14 esperti, guidati dal vescovo Franz-Josef Overbeck per la Dbk e da Reiner Anselm per la Ekd. “Noi Chiese riteniamo che lo stato di diritto democratico e sociale, e quindi la democrazia libera, non sia un ordine perfetto, ma in termini di convivenza in questo mondo si sia dimostrato il migliore ordine politico possibile, sia teoricamente che praticamente, sebbene suscettibile di critiche e miglioramenti” scrivono nella prefazione il cardinale Reinhard Marx (presidente della Conferenza episcopale e il vescovo Heinrich Bedford-Strohm presidente della chiesa evangelica

Quattro sfide centrali

Muovendosi sui passi del “vedere, giudicare agire”, il documento diffuso l'11 aprile - riporta l'agenzia Sir - esamina quattro “sfide centrali”: la globalizzazione e le sue conseguenze per l’economia e l’ecologia, la giustizia democratica e le disuguaglianze economiche, le migrazioni e la digitalizzazione. Per ciascuno propone alcune piste politiche di azione, dopo aver approfondito i principi fondamentali della democrazia e il loro “stretto legame con alcuni elementi di fondo della fede cristiana”.

La “moralità democratica” fondamento per una democrazia che funzioni

Su un piano che si muove tra la Germania, l’Europa e l’ordine mondiale, il testo presenta come fondamento di una democrazia che funzioni la “moralità democratica”: tutti, dai politici a chi fa informazione, dalla società civile all’economia e ogni singolo cittadino, devono “sentirsi responsabili per il successo della democrazia”, devono impegnarsi per il rispetto delle regole, devono sempre essere “orientati al bene comune e disponibili ad ascoltare, a considerare e a scendere a compromessi con altri punti di vista e argomenti”.

Una democrazia fondata sul rispetto incondizionato della dignità umana

 

Accanto a ciò, occorre la “fiducia che deriva da una tale moralità”. “Necessaria ma non scontata”, la fiducia è “uno dei cardini della convivenza democratica”: nelle “persone che si assumono la responsabilità della democrazia” ed esercitano il potere, nelle istituzioni, nelle dinamiche e nei processi democratici. Il documento si sofferma quindi sul ruolo delle Chiese nella democrazia partendo dal riconoscimento che “la democrazia fondata sulla libertà e lo stato di diritto, con il suo rispetto incondizionato per la dignità umana e i suoi diritti inalienabili, tra tutte le forme di stato è quella che esprime più chiaramente l’impulso alla libertà del Vangelo”.

Il contributo delle Chiese alla vita democratica

Per questo, si legge, “come Chiese, partecipiamo alla vita sociale e condividiamo la responsabilità perché la vita democratica sia custodita, realizzata e si sviluppi”. Questo compito si esercita non “esprimendosi nei dibattiti politici concreti, ma impegnandosi per una cultura vitale del cristianesimo e per una fede viva”, rafforzando così “i fondamenti su cui vive la democrazia”.

 

13 aprile 2019, 12:02