Cerca

Vatican News
Povertà Povertà 

Convegno annuale Caritas per un “nuovo umanesimo cristiano"

Da oggi a Scanzano Jonico, nella diocesi di Matera, il 41° Convegno nazionale delle Caritas diocesane, dal titolo "Carità è cultura". Un momento di confronto con tutte le realtà locali sulle emergenze del Paese, a cominciare dalla povertà. Intervista al vice-direttore della Caritas Paolo Beccegato

Alessandro Guarasci – Città del Vaticano

La Caritas italiana guarda alla società in continuo cambiamento, sempre più consapevole della necessità di un “nuovo umanesimo cristiano” che avanzi lungo il cammino dei gesti concreti e della prossimità fraterna in vista del bene comune.

Per il vicedirettore della Caritas, Paolo Beccegato, assistiamo a due fenomeni: quello di "una cultura che non si fa carità, che predica l’odio e la segmentazione sociale, promuovendo una cultura non caritativa", e quello di "una carità che non promuove una buona cultura, ovvero, una carità fine a se stessa che è assistenzialismo e non si domanda il perché di fenomeni come l’impoverimento”.

Ascolta l'intervista a Paolo Beccegato

La Caritas italiana è nata nel 1971, per volere di Paolo VI, nello spirito del rinnovamento avviato dal Concilio Vaticano II. Fondamentale il collegamento e il confronto con le 220 Caritas diocesane, impegnate sul territorio nell'animazione della comunità ecclesiale e civile, e nella promozione di strumenti pastorali e servizi: Centri di ascolto, Osservatori delle povertà e delle risorse, Caritas parrocchiali, Centri di accoglienza.

25 marzo 2019, 13:58