Versione Beta

Cerca

Vatican News
Manoscritto latino Manoscritto latino  (© Biblioteca Apostolica Vaticana)

Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo di Domenica 21 ottobre 2018

Don Fabio Rosini, direttore del Servizio per le Vocazioni della Diocesi di Roma, commenta il Vangelo della XXIX Domenica del Tempo ordinario
Commento audio al Vangelo di domenica 21 ottobre - Don Fabio Rosini

Nel Vangelo di questa domenica (Mc 10, 35-45) Giacomo e Giovanni chiedono a Gesù di poter sedere, nella sua gloria, uno alla sua destra e uno alla sua sinistra. Gesù dice: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». I due fratelli rispondono: «Lo possiamo». E Gesù dice: «Il calice che io bevo, anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato». Poi, di fronte agli altri discepoli indignati per la richiesta di Giacomo e Giovanni, afferma: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell'uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

Ascolta gli altri commenti

19 ottobre 2018, 10:30