Versione Beta

Cerca

Vatican News
Camerun: manifestazioni a Bamenda Camerun: manifestazioni a Bamenda 

Camerun. Ucciso giovane seminarista nella regione anglofona

Mons. Cornelius Fontem Esua, arcivescovo di Bamenda, ha comunicato che il giovane seminarista si chiamava Gérard Anjiangwe, ed aveva 19 anni, è stato ucciso da un gruppo di militari il 4 ottobre, di fronte alla chiesa parrocchiale di Santa Teresa di Bamessing, un villaggio nel nord-ovest del Camerun

Il comunicato dell’arcidiocesi afferma che intorno alle 9,30 del mattino del 4 ottobre scorso, al termine della Messa, mentre Gérard Anjiangwe e i fedeli “si trovavano di fronte alla chiesa, è arrivato un camion militare proveniente da Ndop che si è fermato all’inizio della strada che porta alla chiesa. Alcuni soldati sono scesi dal mezzo ed hanno iniziato a sparare. Mentre i fedeli si sono rifugiati in sacrestia sbarrando la porta, il seminarista si è prostrato a terra recitando il rosario. “I militari hanno cercato invano di aprire la porta; si sono allora avvicinati a Gerard disteso sul pavimento e gli hanno ordinato di alzarsi, cosa che ha fatto con esitazione” riporta mons. Cornelius Fontem Esua. Dopo averlo interrogato, i soldati hanno ordinato al seminarista di inginocchiarsi di nuovo. "Poi gli hanno sparato tre volte al collo ed è morto all'istante” afferma l'arcivescovo. Nel suo comunicato mons.

Appello del vescovo ai cristiani

Mons. Cornelius Fontem Esua lancia un appello a tutti i cristiani in questo momento di dolore di pregare per l’anima di Gérard e anche per Stephen Akiata e Comfort Akiata, i suoi genitori, e la famiglia tutta dal momento che il seminarista era il loro unico figlio”. Il drammatico episodio si inquadra nelle tensioni che hanno preceduto ed accompagnato nelle regioni anglofone del Paese le elezioni presidenziali che si sono tenute domenica 7 ottobre. (L.M. - Fides)

17 ottobre 2018, 12:04