Versione Beta

Cerca

Vatican News
Papa e vescovi del Perù Papa e vescovi del Perù 

Vescovi peruviani contro corruzione: recuperare ideali cristiani

Dalla Conferenza episcopale peruviana (Cep): "Soffriamo una corruzione politica, giudiziaria, economica e sociale, dovuta alla decomposizione etica causata dall'abbandono degli ideali cristiani, e dalla deformazione e dall’anestetizzazione delle coscienze”

Emiliano Sinopoli - Città del Vaticano

Di fronte alla grave situazione di corruzione a vari livelli e di crisi morale che il Perù sta attraversando, i vescovi del Paese latino americano, al termine dell'assemblea plenaria della Conferenza episcopale, il 6 settembre scorso, hanno pubblicato un messaggio rivolto al popolo con l'invito a rinnovare la speranza, sottolineando anche alcuni aspetti critici che stanno investendo la società. 

Corruzione politica e giudiziaria

I vescovi denunciano la sofferenza "di una corruzione politica, giudiziaria, economica e sociale" dovuta ad una "decomposizione etica" provocata "dall’abbandono di ideali cristiani, a causa della deformazione e dello spegnimento della coscienza". Invocano una "conversione" e  un "sincero esame di coscienza" da parte di "tutti gli uomini di buona volontà", che permetta di agire in "diversi ambiti della condotta rispettando la verità e la trasparenza”. I vescovi chiedono in particolare sforzi "raddoppiati" per affrontare "con fermezza la corruzione che si verifica nell’amministrazione della giustizia”.

Servono buoni politici e valori cristiani

Nel messaggio, anche altri temi ecclesiali e sociali di attualità. In occasione delle prossime elezioni regionali e municipali del 7 ottobre i presuli non mancano di ricordare che “la Chiesa apprezza il sistema della democrazia, nella misura in cui assicura la partecipazione dei cittadini alle scelte politiche” e garantisce alle persone governate la piena libertà, quindi auspicano la presenza di “buoni e veri politici” che prendano sul serio i “valori cristiani" e la partecipazione cristiana alla vita pubblica.

Migranti e abusi

Infine, i vescovi accennano all’arrivo dei migranti, soprattutto venezuelani, invitando a vedere nel fenomeno “un’opportunità”, prima che una minaccia, e "un’occasione di reciproca ricchezza tra figli del medesimo Padre". Un riferimento particolare va anche alla questione degli abusi nella Chiesa. A questo proposito i vescovi citano la recente Lettera di Papa Francesco al Popolo di Dio, della quale evidenziano la necessità di realizzare tutte le condizioni che diano sicurezza e “proteggano l’integrità dei bambini e degli adulti in stato di vulnerabilità”, la trasparenza e la ‘tolleranza zero’ nei confronti di “tutti coloro che compiono o coprono questi delitti”.

08 settembre 2018, 11:21