Cerca

Vatican News

Riaperta al culto l’Abbazia di Nonantola, a 6 anni dal sisma

Riconsegnata ai fedeli l’Abbazia di Nonantola in Emilia fondata nel 752, duramente colpita dal sisma del 2012. Al via l’Anno Santo Giubilare concesso dal Papa

Benedetta Capelli - Città del Vaticano

Nel maggio del 2012, due scosse di terremoto colpirono l’Emilia provocando una ventina di vittime e gravi danni alle strutture, alle case ma anche monasteri e chiese. Ieri l’Abbazia di Nonantola, dopo due anni di lavoro, è stata riaperta al culto. L’arcivescovo della diocesi di Modena-Nonantola, mons. Erio Castellucci, ha segnato il momento solenne, aprendo la Porta Santa della Basilica e dando il via di fatto all’Anno Santo Giubilare concesso da Papa Francesco. Il Giubileo straordinario si concluderà il 31 dicembre 2019.

Abbazia, segno di luce

L’arcivescovo, nella sua omelia, ha ricordato che “l’abbazia è segno di vita e di luce proprio il contrario del deserto e della notte; perché in essa e attorno ad essa si è sviluppata la vita religiosa e civile di Nonantola: pensiamo – ha continuato - solo alle centinaia di monaci che nei secoli l’hanno abitata, alle migliaia di celebrazioni che, anche coinvolgendo il popolo, si sono tenute in questa Chiesa; al patrimonio religioso, artistico e culturale qui elaborato e conservato, alla bonifica e coltivazione dei terreni e alla promozione del lavoro e della giusta ricchezza dei cittadini”.

La vita che vince il buio

“Vita e luce – ha proseguito mons. Castellucci - che da oggi riprendono, da questo luogo, a rinvigorire i nostri deserti interiori e illuminare le nostre notti. Grazie al Signore che continua a vincere il deserto e il buio; grazie a tutti coloro che si sono impegnati per giungere a questo giorno; grazie a tutti voi presenti, che con la vostra partecipazione rendere manifesta la natura della Chiesa, composta di pietre vive”. “La vita mette alla prova la fede – ha concluso - perché il nostro rapporto con il Signore non è una cosa che si acquista, ma una relazione che si coltiva".

 

17 settembre 2018, 13:49