Versione Beta

Cerca

Vatican News
Cardinale Reinhard Marx Cardinale Reinhard Marx 

I vescovi tedeschi scrivono direttamente al presidente Ortega

"Il mondo intero sta guardando al Nicaragua. Per favore, dimostri al mondo che è a servizio del suo popolo e che rispetta la sua libertà!”. I vescovi tedeschi scrivono direttamente a Ortega. Il documento datato 26 luglio

Scrivere direttamente al presidente del Nicaragua, Daniel Ortega. E' l'iniziativa dei vescovi tedeschi come riportato dall'Agenzia Sir. Il documento, datato 26 luglio, è firmato dal cardinale Reinhard Marx, presidente della Conferenza episcopale e arcivescovo di Monaco e Frisinga. 

Violenza ai principi democratici

“Quasi tutti i giorni riceviamo notizie sulla crescente violenza in Nicaragua - si legge nella lettera secondo quanto ripreso dal Sir - Coloro che manifestano pacificamente vengono arrestati, maltrattati o assassinati. In tutto il Paese si sta facendo violenza ai principi democratici di base e ai diritti umani fondamentali. Si giustifica questo abuso del potere statale e para-statale come un provvedimento per la lotta contro il terrorismo. La nuova legge antiterrorismo aggrava ancora di più la crisi politica”.

In pace e in libertà

Continuano i vescovi: “39 anni fa Lei partecipò alla rivoluzione contro il regime di Somoza per porre fine all’oppressione del popolo nicaraguense. Questo popolo vuole continuare a vivere in pace e in libertà, accompagnato dalla Chiesa cattolica, che sta al suo fianco”.

La richiesta: basta violenze, si rispetti la libertà di opinione

“Le chiediamo di porre fine alla violenza repressiva e di rispettare la libertà di riunirsi e di opinione - riporta ancora l'agenzia -  La esortiamo a fare tutto il possibile per fermare le uccisioni che lasciano morti lungo le strade e a liberare i prigionieri politici ingiustamente detenuti. La preghiamo di dare un segnale di pace e di tornare al cammino del dialogo nazionale. Il mondo intero sta guardando al Nicaragua. Per favore, dimostri al mondo che è a servizio del suo popolo e che rispetta la sua libertà!”.

30 luglio 2018, 19:49