Versione Beta

Cerca

Vatican News
Il cardinale Gualtiero Bassetti-foto d'archivio Il cardinale Gualtiero Bassetti-foto d'archivio  (ANSA)

Card. Bassetti sulle migrazioni: salvaguardare vite umane

Il presidente della Cei, il card. Bassetti, rilancia le parole del Papa sui migranti con un Messaggio al popolo italiano: "non lasciare in balia delle onde chi è affamato di pane e giustizia"

Cecilia Seppia - Città del Vaticano

Il card. Gualtiero Bassetti presidente della Cei, riflette sulla questione migratoria dopo le parole pronunciate ieri dal Papa durante l’udienza ai Maestri del Lavoro e decide di rilanciarle con forza a partire da questo passaggio:  “La santità non riguarda solo lo spirito, ma anche i piedi, per andare verso i fratelli, e le mani, per condividere con loro. Le Beatitudini evangeliche insegnino a noi e al nostro mondo a non diffidare o lasciare in balìa delle onde chi lascia la sua terra affamato di pane e di giustizia; ci portino a non vivere del superfluo, a spenderci per la promozione di tutti, a chinarci con compassione sui più deboli. Senza la comoda illusione che, dalla ricca tavola di pochi, possa “piovere” automaticamente il benessere per tutti”.

No a risposte prefabbricate

“Ho letto e riletto con attenzione queste parole", scrive il card. Bassetti: "Le ho lette e rilette sentendole profondamente mie, al punto di scegliere di rilanciarle a mia volta, come presidente della Conferenza Episcopale Italiana”. Rimarca, quindi, la necessità di risposte concrete e il lavoro, l’impegno della Chiesa sulla via della giustizia: “Non mi nascondo quanto sia complesso il fenomeno migratorio: risposte prefabbricate e soluzioni semplicistiche hanno l’effetto di renderlo, inutilmente, ancora più incandescente. Crediamo nel diritto di ogni persona a non dover essere costretta ad abbandonare la propria terra e in tale prospettiva come Chiesa lavoriamo in spirito di giustizia, solidarietà e condivisione”.

Azione concertata per difendere vite

La Chiesa, ma anche la società civile, le istituzioni, i paesi e i governi, tutti, secondo il presidente della Cei dovrebbero cooperare al grande obiettivo che contempla la salvaguardia di vite umane. “Crediamo altresì – prosegue - che la società plurale verso la quale siamo incamminati ci impegni a far la nostra parte sul versante educativo e culturale, aiutando a superare paure, pregiudizi e diffidenze. Nel contempo, crediamo nella salvaguardia della vita umana: nel grembo materno, nelle officine, nei deserti e nei mari. I diritti e la dignità dei migranti, come quelli dei lavoratori e delle fasce più deboli della società, vanno tutelati e difesi. Sempre”.

Accoglienza e responsabilità

Il porporato invoca dunque la risposta europea al fenomeno ma all’Italia ricorda l’imperativo dell’accoglienza, promettendo in primis il contributo delle comunità cristiane. “L’Italia, che davanti all’emergenza ha saputo scrivere pagine generose e solidali, non può essere lasciata sola ad affrontare eventi così complessi e drammatici. Proprio perché crediamo nell’Europa, non ci stanchiamo di alzare la voce perché questa sfida sia assunta con responsabilità da tutti. Assicuro che le comunità cristiane, forti della loro ‘origine mediterranea’, non mancheranno di offrire – accanto all’accoglienza – un contributo di pensiero in ordine all’elaborazione di una prospettiva di una pacifica convivenza nel Mediterraneo”.

16 giugno 2018, 15:09