Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Alcuni dei partecipanti alla "Nave del Cuore", poco prima di salpare Alcuni dei partecipanti alla "Nave del Cuore", poco prima di salpare 

La Nave del Cuore, dal dramma a nuove opportunità

È salpata oggi la nave con a bordo i ragazzi ospiti delle Opere di Carità del Santuario di Pompei, per far conoscere le storie di ragazzi e adolescenti difficili

Salvatore Tropea - Città del Vaticano

Dalla Capitaneria di Porto di Castellamare di Stabia, in provincia di Napoli, fino a Sorrento, solcando il mare di tutta la costa, è questa l’iniziativa “La Nave del Cuore”, organizzata dal Centro Educativo “Bartolo Longo” del Santuario di Pompei, con a bordo i ragazzi ospiti delle Opere di Carità del Santuario di Pompei. L’obiettivo della manifestazione è quello di mettere al centro le storie di ragazzi e adolescenti difficili, mostrando come da situazioni disagiate possano nascere delle opportunità.

Una festa per sensibilizzare l’opinione pubblica

L’iniziativa ha quindi lo scopo di “essere una grande festa dedicata a tutti i ragazzi ospiti, ma soprattutto di coinvolgere e sensibilizzare tante persone sulle iniziative delle Opere di Carità del Santuario di Pompei”, come racconta a Vatican News fratel Filippo Rizzo, direttore del Centro Bartolo Longo e organizzatore della manifestazione. “La Nave del Cuore – sottolinea fratel Rizzo – è l'occasione per dare visibilità all'impegno di sacerdoti, religiose, religiosi e laici, nel sostenere ogni giorno bambini, anziani, ragazze madre, figli e figlie di detenuti, poveri, ex tossicodipendenti, migranti, diversamente abili”.

La pedagogia dell’amore per combattere i drammi

Ciò che muove tutta l’iniziativa, arrivata alla terza edizione e, ancor prima, tutte le attività giornaliere di questa realtà è “la pedagogia dell’amore”, come spiega fratel Rizzo, ovvero “il metodo educativo che era alla base dell’impegno del beato Bartolo Longo e che mira a formare il ragazzo nella sua globalità, senza distinzioni o discriminazioni”. I ragazzi e i bambini a bordo della nave “provengono soprattutto da quartieri a rischio e da situazioni familiari difficili – precisa il direttore del Centro Bartolo Longo – quindi giovani con problemi sociali ed economici, ma anche figli di immigrati”.

“La Nave del Cuore”

Sulla nave, offerta da Alilauro Gruson, non solo i ragazzi del Centro Bartolo Longo, ma anche altri provenienti dal Centro Educativo Beata Vergine del Rosario, dalle altre Opere di Carità del Santuario e dalle parrocchie della città. Ad accoglierli, i sindaci dei comuni della Penisola e i rappresentanti di altre istituzioni, ai quali i ragazzi del Centro hanno donato una ceramica realizzata a mano, su cui sono raffigurati la Madonna di Pompei, il Beato Bartolo Longo e la Nave del Cuore, in ricordo della giornata. “In continuità con il carisma del beato Longo – continua fratel Rizzo – questo momento è un modo per regalare ai ragazzi un momento di divertimento ma anche per ricordare sempre, a tutti, che a Pompei la carità non conosce soste”.

Ascolta l'intervista a fratel Filippo Rizzo
16 maggio 2018, 16:15