Versione Beta

Cerca

VaticanNews

Ospedali aperti in Siria: un progetto del cardinale Zenari con Cei e Avsi

Presentato il progetto ideato dal nunzio in Siria per rendere operativi due ospedali di Damasco e uno di Aleppo

Giada Aquilino – Città del Vaticano

“È la strage degli innocenti”. Così il cardinale Mario Zenari, nunzio apostolico a Damasco, parla dei sette anni di guerra in Siria, sottolineando che oggi “muoiono più persone per mancanza di medicine che sotto le bombe”. L’80% della popolazione vive ormai stabilmente in condizioni di grave povertà. In particolare morde la crisi sanitaria: quasi 11,5 milioni di abitanti, di cui il 40% bambini, non ricevono cure mediche e non hanno accesso agli ospedali.

Il progetto Ospedali aperti

Per questo, il porporato - da nove anni in Siria - ha ideato il progetto “Ospedali aperti”, affidandone la gestione ad Avsi, organizzazione internazionale che su più fronti opera per dar sostegno alla popolazione locale, ha spiegato Giampaolo Silvestri, segretario generale.

I tre ospedali siriani

Si tratta di rendere nuovamente operativi due ospedali a Damasco e uno ad Aleppo gestiti da congregazioni religiose. Il progetto, partito a luglio 2017 e presentato a Palazzo Pio a Roma, è cofinanziato dalla Conferenza episcopale italiana con i fondi del’8 x mille: un milione di euro lo stanziamento, ha annunciato il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei. Coinvolti nella formazione di medici, tecnici e infermieri anche il Policlinico Gemelli e l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, perché - ha aggiunto il nunzio a Damasco - “c’è pure il problema sempre più grave della penuria di medici e operatori sanitari. Tanti stanno lasciando la Siria”. I vescovi italiani, ha poi annunciato il cardinale Bassetti, si faranno promotori di un incontro per la pace nel Mediterraneo, che coivolgerà tutti i presuli dell'area.

L’interessamento di Papa Francesco

Papa Francesco, da sempre vicino alla popolazione siriana martoriata dal conflitto - ricordata tra l'altro la giornata di preghiera per la Siria del settembre 2013 - ha esortato a portare avanti il progetto, rimanendo costantemente informato, hanno assicurato i porporati.

Ascolta e scarica le parole del card. Zenari
13 marzo 2018, 16:26