Versione Beta

Cerca

VaticanNews
Manoscritto latino Manoscritto latino 

Il commento di don Fabio Rosini al Vangelo di Domenica 25 marzo 2018

Don Fabio Rosini, direttore del Servizio per le Vocazioni delle Diocesi di Roma, commenta il Vangelo della Domenica delle Palme e della Passione Signore
Commento audio al Vangelo di domenica 25 marzo - Don Fabio Rosini

Il Vangelo di questa domenica (Mc 14,1-15,47) ci propone la Passione del Signore raccontata dall’evangelista Marco. Questa domenica unisce la gioia e il dolore, l’acclamazione e l’umiliazione. La gente grida “osanna” a Gesù che entra in Gerusalemme su un puledro d’asina. Riconosce in quest’uomo la presenza di Dio. Ma poi griderà “Crocifiggilo!”, perché è stata delusa, non era il Messia che aspettava. Noi dobbiamo fare un salto dalla nostra visione di Dio a ciò che Dio è. Dio è diverso da quello che ci aspettiamo. L’ultima cosa che possiamo pensare è che il Dio che ci salva non è un vincente. Quando Dio viene, viene come non ce l’aspettiamo. Abbiamo bisogno di lasciarci dire come Dio ci salverà. Spesso avviene attraverso vicende che scartiamo. E’ la via della croce che porta al Paradiso. Dobbiamo chiedere che Dio venga ad illuminare quello che noi non abbiamo capito e accettato nella nostra vita. La via cristiana fa i conti con la nostra povertà e si lascia visitare da Colui che ha preso su di sé il nostro dolore e lo ha fatto diventare il luogo dove si prepara la risurrezione.

Ascolta gli altri commenti

 

24 marzo 2018, 09:54