Versione Beta

Cerca

Vatican News
Patriarca di Babilonia dei Caldei, Louis Raphael Sako Patriarca di Babilonia dei Caldei, Louis Raphael Sako 

Imparare il coraggio dei cristiani perseguitati

Il Patriarca Sako parla dell'incontro tra i presuli caldei e Papa Francesco: "Come cristiani, abbiamo sentito in maniera molto forte la sua vicinanza. Noi siamo un piccolo gregge, abbiamo tanta forza anche per la Chiesa universale"

Emanuela Campanile - Città del Vaticano

"Siamo colpiti dalla preoccupazione del Papa per la situazione in questa parte del mondo. E' a conoscenza sia della situazione in Turchia ma anche di quella in Iraq, Iran e Siria. Come cristiani, abbiamo sentito in maniera molto forte la sua vicinanza". 

Queste le parole di Sua Beatitudine Louis Raphaël I Sako, Patriarca di Babilonia dei Caldei - Iraq - in visita "ad Limina Apostolorum" con i Presuli Caldei e ricevuti ieri in Udienza, subito dopo l'incontro tra Papa Francesco e il presidente turco Erdogan.  Mons. Sako, così ha descritto l'atteggiamento del Pontefice sulla tragica situazione dei cristiani in Oriente:

"Ci ha anche detto, qualora avessimo una qualche iniziativa o proposta da presentare, di venire a comunicargliela, e che sono pronti a fare tutto ciò che è possibile per noi. Questo ci ha dato tanta speranza e anche tanta forza. Perché a volte noi pensiamo che siamo così lontani – questi “cristiani di Oriente” che cosa sono – ma non fa niente... Noi siamo un piccolo gregge: abbiamo tanta forza anche per la Chiesa universale. Dunque, le altre Chiese devono rivedere la loro posizione e la loro fede riguardo questi cristiani perseguitati. Questi cristiani sono confessori della fede: cosa aspettiamo ancora, dunque?

Un primo passo quale potrebbe essere?

La Chiesa cattolica, l’Occidente, devono onorare e rispettare questi cristiani più di prima: evitare tutta questa burocrazia e questo meccanismo che non funziona più. Lo abbiamo sentito da parte del Papa e anche oggi, insieme alla Congregazione per le Chiese orientali, abbiamo parlato apertamente – tutti i vescovi – e abbiamo vissuto un momento di sinodalità, ma anche con il Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Era un momento per noi al fine di rivedere i rapporti con i musulmani. Il cardinale Prefetto ci ha detto che ciò che li ha colpiti è questa volontà dei cristiani di rimanere, nonostante tutto".

Che cosa spera, non solo per la sua gente e per i cristiani in Occidente?

"Per la nostra gente spero che rimangano nei loro Paesi. Ma questo è più difficile se la Chiesa occidentale, e la Santa Sede soprattutto, non ci appoggiano. Penso che la Curia debba fare molto per questi cristiani in Iraq, in Iran e in Siria: per far sì che essi restino. I cristiani dell’Occidente devono imparare il coraggio di questi cristiani iracheni, il loro senso della famiglia e della comunione: questo devono imparare da noi".

 

Ascolta l'intervista al Patriarca Sako
06 febbraio 2018, 14:22