Cerca

Vatican News
Effetti dei colpi di mortaio su Damasco Effetti dei colpi di mortaio su Damasco  (AFP or licensors)

Siria: morti e feriti per colpi di mortaio su Patriarcato siro-ortodosso a Damasco

Colpi di mortaio lanciati sul centro di Damasco dai gruppi armati che ancora controllano i sobborghi orientali della città, hanno colpito l'area del Patriarcato siro ortodosso, nel quartiere di Bab Tuma, provocando almeno due morti e tre feriti

Il lancio di artiglieria è avvenuto nella giornata di ieri ed ha raggiunto la zona nei pressi della cattedrale siro-ortodossa di San Giorgio, dove un gruppo di volontari russi aveva da poco distribuito pacchi di aiuti alla popolazione locale. I colpi di artiglieria lanciati contro la Città Vecchia di Damasco rappresentano l'ennesima conferma che, al di là dei proclami e del calo di attenzione da parte dei media internazionali, il conflitto in Siria è ancora in atto e continua a interessare anche la Capitale. A gennaio, i quartieri della Città Vecchia di Damasco, dove sono concentrate le chiese e le sedi dei Patriarcati, sono stati raggiunti a più riprese da lanci di razzi e colpi di mortaio provenienti dal sobborgo di Ghūta, che il 22 gennaio avevano provocato 9 morti – in gran parte studenti che uscivano da scuola – e più di venti feriti. (Agenzia Fides)

06 febbraio 2018, 11:08