Versione Beta

Cerca

Vatican News
Concerto nella basilica di San Pietro Concerto nella Basilica di San Pietro 

Inaugurato il Festival di Musica e Arte Sacra con gli artisti del Giappone

Nella Basilica di S.Pietro con la celebrazione eucaristica e la musica di Mozart eseguita dall' Illuminart Orchestra e Coro giapponesi ha preso il via la nuova edizione del Festival che unisce musica, arte e preghiera

di Gabriella Ceraso

Prendiamo sul serio il Vangelo, siamo ad esso fedeli, senza timore come ha chiesto Maria nelle sue apparizioni a Fatima cento anni fa”. E’ il forte invito del cardinale Angelo Comastri risuonato ieri sera nella Basilica di San Pietro alla Messa di inaugurazione del XVI Festival internazionale di Musica e Arte Sacra che quest’anno ha come filo conduttore proprio l’anniversario mariano.

Alla celebrazione eucaristica si è unito anche, per una invocazione comune alla pace e al dialogo, il reverendo Raitei Arima direttore generale dell’Organizzazione buddista di Kyoto. Ad inaugurare il programma infatti l’Illuminart Philarmonic Orchestra e Chorus del Giappone sotto la guida del M° Tomomi Nishimoto che ha eseguito la Messa dell’Incoronazione KV 317 di Mozart.

Ai nostri microfoni il direttore Nishimoto si è detta felice di una presenza che si rinnova a Roma da cinque anni e soprattutto soddisfatta di poter far risuonare nella Basilica Vaticana, così vicina al Papa l’antica preghiera cristiano- giapponese dell’Orasho, intonata al termine della Messa, le cui origini sono nel canto gregoriano e sono legate all’evangelizzazione del Giappone.

“Credo fortemente che la musica possa avvicinare a Dio ed io mi sento più vicina a Dio suonando”, ha detto il direttore Nishimoto, “Dio non si può vedere ma con la musica lo si sente presente”. Altro scopo realizzato nel Festival è il dialogo tra culture e religioni: e quest’anno la presenza del reverendo Raitei Arima è una grande occasione. ”Desidero”, ha concluso il Maestro, ”che da qui nasca un messaggio di pace e dialogo e non di conflitto tra fedi”.

Ascolta l'intervista al M°Tomomi Nishimoto

 

 

05 novembre 2017, 17:50