Versione Beta

Cerca

VaticanNews
P. Giovanni Schiavo P. Giovanni Schiavo 

Brasile: diventa Beato p. Schiavo, esempio di dinamismo apostolico

A presiedere la cerimonia di Beatificazione, in rappresentanza del Papa, il cardinale Angelo Amato

di Giada Aquilino

Un missionario italiano che si sentiva “profondamente brasiliano”. Così il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, presentando la Beatificazione, oggi a Caxias do Sul, in Brasile, di Giovanni Schiavo, sacerdote professo della Congregazione di San Giuseppe (Giuseppini del Murialdo), morto nel 1967. A rappresentare il Papa alla cerimonia, lo stesso porporato che, nell’intervista di Roberto Piermarini, spiega come il religioso abbia trascorso l’intera vita “sacerdotale e apostolica” nel Paese sudamericano trovando “terreno fertile per vivere e praticare in modo eroico il Vangelo”.

Nato nel 1903 a Sant’Urbano, in provincia di Vicenza, in una famiglia profondamente cristiana, fu ordinato sacerdote nel 1927. Dopo quattro anni di apostolato in Italia, venne inviato in Brasile, dove esercitò il ministero in varie comunità. A lui si deve lo sviluppo in generale delle Opere Giuseppine in Brasile, la preparazione religiosa dei primi confratelli locali, la formazione del gruppo brasiliano delle Suore Murialdine di San Giuseppe, il riconoscimento ufficiale delle scuole. Morì per una grave malattia.

“La sua luminosa figura - mette in luce il cardinale Amato - è caratterizzata dalla tensione alla santità e dal dinamismo apostolico”. Più di un testimone ha parlato di “uomo santo” riferendosi a don Giovanni Schiavo. “La celebrazione quotidiana della Santa Messa era la fonte e la cattedra dalla quale provenivano le ispirazioni a compiere il bene”, riferisce il prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. La sua esistenza si basava “sull'amore di Dio e sull'abbandono alla Divina Provvidenza”.

La fase diocesana della sua causa di Beatificazione si è svolta nella diocesi di Caxias do Sul dal 2001 al 2003. Nel dicembre 2015 Papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto sull’eroicità delle sue virtù ed un anno dopo ha approvato un miracolo ottenuto per sua intercessione. I resti mortali di padre Giovanni Schiavo riposano nel piccolo cimitero delle Suore Murialdine a Fazenda Souza.

Ascolta e scarica l'intervista al cardinale Amato
28 ottobre 2017, 12:43